Teses, Sercol e medioevo

  • 0

Teses, Sercol e medioevo

Tags : 

Sabato e domenica 16 e 17 giugno, abbiamo avuto modo di realizzare diversi piccoli progetti esplorativi. Nella giornata di sabato in collaborazione con Luigi Bavagnoli presidente dei Teses, Armando Bellelli e Andrea Bellandi abbiamo effettuato un’esplorazione superficiale attorno al Sercol di Nuvolera, realizzando delle riprese video del sito, cercando nuovi dettagli per elaborare una teoria su questo misterioso luogo.

Nel pomeriggio ci spostiamo verso un’altro sito particolare, una roccia lungo un sentiero dove in rilievo è stato realizzato un volto, circondato da diverse incisioni con date e scritte ( Una delle ipotesi ). In conclusione di questa calda e umida giornata abbiamo in fine esplorato un’antica condotta d’acqua sotterranea lunga circa 30 m che presentava una pavimentazione ben elaborata e un soffitto a volta. La giornata si concluderà con una serie di valutazioni e discussioni per lo sviluppo di progetti futuri.

Domenica in collaborazione con Armando Bellelli e Mattia Laude programmiamo l’esplorazione di una condotta medioevale, presente nel parco di un’antico castello sul lago di Garda. Questa condotta creata per mantenere controllato il livello di uno stagno interno al parco, presenta un lungo cunicolo divisibile in 3 sezioni:

  • Prima parte del tunnel, con un sviluppo orizzontale, una leggera inclinazione a valle è caratterizzato da muratura a secco con soffitto a volta, lungo circa 120 m.
  • Nella seconda parte il tunnel cambia il suo sviluppo, non presenta più muri a secco e precipita verso il basso, con diversi salti verticali.
  • Nella terza sezione il cunicolo torna quasi orizzontale, con uno sviluppo di circa 20 m e una leggera inclinazione a valle. Quest’ultimo tratto sbuca su una parete a strapiombo con splendida vista lago.

Questa esplorazione è stata realizzata nell’ultimo tratto da Michael Bolognini con tecnica speleologica, il cunicolo presenta uno sviluppo verticale d’attrezzare con una corda statica da 30 m, il tratto percorso è perennemente umido e levigato ma non presentava grosse difficoltà. E’ stata realizzata una sequenza fotografica per documentare l’esplorazione.





© 2012 – 2013, Geographical Research Association. All rights reserved.


Leave a Reply

"Chi solo sa cosa osservare sa solo cosa vedere per capire"